New York ’70. Il POP ad Ischia

La mostra di

B.Zarro

Giardini Ravino

dal 15 al 22 Luglio

New York ’70. Il POP ad Ischia.

 

Conosco Quincy Jones per aver ballato sui ritmi delle sue produzioni negli anni 70 e poi con Thriller e Bad e tanto altro ancora.

Conosco Truman Capote per aver letto colazione da Tiffany, per aver visto il film tratto dal suo libro, ma soprattutto per aver passato , tra il 78 e l’80, molte serate all’Easy Going, di Roma, immaginando di stare allo Studio 54 di New York, di cui il locale romano era la mitica versione “nostrana” e nel quale si respirava la stessa “aria spensierata ” della Grande Mela,nelle cui serate imperversava il drammaturgo americano come un matador.

Entrambi hanno segnato il “passaggio della modernità” e, meno prosaicamente, hanno condotto a quell’edonismo nato agli inizi degli anni ’80 sulle ceneri del allimento sessantottino, e post sessantottino italiano, che scatenò quella rivoluzione al contrario fatta di divertimento, sballo e nichilismo.
E dove il Pop era la cultura dominante.

La Mostra di B.Zarro celebra, ad Ischia, i due personaggi che , più di tanti altri, hanno contribuito alla diffusione della cultura Pop su quest’altra sponda dell’Oceano: Truman Capote per aver scritto i suoi “Diari di Viaggio” in una lunga sosta ad Ischia, Quincy Jones per aver portato la musica Pop a diffondersi , nel bacino  mediterraneo, come un “canto di sirena”. Del quale le nostre vite sono intrise. Come un pilastro della contemporaneità.

Sito ufficiale del Ischia Global Festival

Share on:

S.S. 270 Citara - 80075 Forio d'Ischia (NA) I ITALY - Tel./Fax +39 081 997783 - Email : info@ravino.it