Eventi 2018

Eventi previsti per la stagione di apertura 2018

Marzo

Domenica 26 marzo: riapertura al pubblico dei Giardini Ravino


 

APRILE

Domenica I aprile:L’immagine del verde”, mostra di venti tavole tratte dall’Atlante della Flora Napolitana del botanico Michele Tenore (1780-1861), in collaborazione con il Dipartimento di Agraria, il Museo delle scienze agrarie (MUSA) e l’Orto botanico dell’Università “Federico II” di Napoli  

 

Sabato 21 aprile: The 2018 edition of Canadian (in)Vision

Dedicata all’arte contemporanea proveniente da Montreal. 

L’evento (in)Vision dedicato all’arte contemporanea rappresenta un’invasione su suolo straniero e mira alle prospettive culturali, generando dialogo, con l’obiettivo di garantire che la vasta diversità e forza della voce canadese sia ascoltata nel villaggio globale contemporaneo.

Un’arte che si rivolge alla condizione umana attraverso lenti che divengono di colpo intime, relazionali e socio-politiche, in cui la memoria agisce come la fibra intrecciata che corre lungo le opere d’arte selezionate per la mostra.      

Saranno visionabili quattro sezioni complementari:

  • Visual Art (pittura, disegno, stampe, fotografia, collage)

  • Video Art

  • Performance Art

  • Film

A cura del direttore artistico Alessandro Mangiarotti con Joyce Yahouda come curatrice ospite ed Emmet Walsh come curatore ospite per la sezione cinematografica, l’edizione inaugurale di Canadian (in)Vision offrirà a circa trenta artisti di Montreal l’opportunità di “invadere” una cittadina in riva al mare sulla celebre Isola d’Ischia, in Italia. In questa destinazione turistica sia gli abitanti dell’isola che i tanti ospiti internazionali si confronteranno con lo scenario artistico di Montreal, ricco di stimoli per il pensiero.

 


 

MAGGIO

Sabato 26 maggio: vernissage della mostra collettiva d’arte contemporanea “ONIRICAmente. Il sogno creativo di una realtà nascosta”, a cura di Gina Affinito
(in esposizione fino al 3 giugno)
continua...


 

 

GIUGNO

Mercoledì 6 Giugno: Inaugurazione della mostra di foto dell’Archivio Carbone
(fino al 7 luglio)


 

LUGLIO

Serate di musica jazz dal vivo, a cura del maestro Pietro Condorelli del Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli: date da definire

 

Lunedì 9 luglio: Vernissage della mostra di acquerelli “Natura sognante, di Paolo De Santi (in esposizione fino al 3 agosto)

 

Venerdì 6, 13, 20, 27 – ore 21.00: “Non ci resta che piangere”, adattamento teatrale e regia di Corrado Visone

 

Venerdì 27 luglio: “Terremoti, vulcani, nuvole e …: aperitivo con la scienza”, in collaborazione con il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) e l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia -  I  incontro:  “Terremoti, vulcani, nuvole e vino: eruzioni e tipicità del prodotto”, conferenza di... e degustazione


 

AGOSTO

Serate di musica jazz dal vivo, a cura del maestro Pietro Condorelli del Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli: date da definire

Venerdì 3, 10, 17, 24, 31 – ore 21.00: “Non ci resta che piangere”, adattamento teatrale e regia di Corrado Visone

Sabato 4 agosto: Vernissage della mostra fotografica “Due riflessioni naturali di Chiara Arturo e Cristina Cusani (in esposizione fino al 31 agosto)

Il progetto delle autrici nasce dalla volontà di indagare, attraverso due distinte riflessioni e i possibili punti in comune tra le ricerche delle due fotografe, l'equilibrio uomo-natura, inteso come un percorso bidirezionale verso le radici e verso il seme, metafora del futuro.

Venerdì 31 agosto: “Terremoti, vulcani, nuvole e …: aperitivo con la scienza”, in collaborazione con il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) e l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia - II  incontro:  “Terremoti, vulcani, nuvole e mare: biodiversità e cambiamento climatico”, conferenza della dr.ssa Maria Cristina Gambi, biologa della Stazione marittima “Anton Dhorn”


 

SETTEMBRE

Sabato I settembre: Mostra fotografica di Medici Senza Frontiere

Venerdì 19 settembre: “Terremoti, vulcani, nuvole e …: aperitivo con la scienza”, in collaborazione con il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia agraria (CREA) e l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia - III  incontro:  “Terremoti, vulcani, nuvole e biodiversità: l’alternativa possibile”, conferenza di …. 

Venerdì 28 settembre: “Terremoti, vulcani, nuvole e …: aperitivo con la scienza”, in collaborazione con il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia agraria (CREA) e l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia - IV  incontro:  “Terremoti, vulcani, nuvole e salute: termae et salus”, conferenza di …. 


 

OTTOBRE

8 – 13 ottobre: “Corsi Musicali” dell’Associazione Culturale ISCHIAMUSICA, a cura del prof. Corrado Pasquotti, compositore e docente del Conservatorio di Venezia

12 – 13 ottobre: “L’impero dei sensi”, XI edizione di MERISTEMA

13 ottobre: Concerto e inaugurazione del “Percorso sensoriale”, dove i visitatori con limitate capacità motorie potranno trovare una piena accessibilità e quelli con limitate capacità visive un’esperienza più completa. Ma non solo loro. Il concetto di giardino include una de-limitazione spaziale. E che include il concetto di uomo? I Patriarchi biblici rappresentano i primordi di quell’umanità che, creata a immagine e somiglianza di Dio, se ne differenzia per un aspetto, il limite: Abramo è folle, Isacco è cieco, Giacobbe è zoppo, Mosè è balbuziente. L’handicap è dunque metafora proclamata della condizione umana, perché, in qualche modo, disabili siamo tutti.
A volte, per esempio, la vista non basta, anche ai vedenti. Non è l’apparizione del Cristo a far credere nella Sua resurrezione al discepolo Tommaso, bensì mettere le dita nella piaga del costato di Gesù a far proclamare all’apostolo: «Mio Signore e mio Dio!». E così, nel nuovo percorso dei Giardini Ravino, dopo il settore dedicato alla vista, si propongono aree dedicate al gusto, al tatto, all’olfatto, all’udito. Il tatto, primo dei sensi a svilupparsi nell’utero materno, unico esteso su tutta superficie corporea, si esercita nella prossimità e attesta il raggiungimento. L’odorato riconduce alla natura animale, funziona a distanza e determina repulsione o attrazione. È l’olfatto ad apprezzare i singoli sapori, nelle sue sfumature qualitative; il gusto classifica solo 5 grandi categorie, sulle quali esprime solo un giudizio quantitativo: l’amaro, il dolce, l’aspro, il salato, il piccante. Ma il gusto ha una caratteristica tutta sua: per percepire il suo oggetto deve incorporarlo. Tutte le religioni hanno al centro del culto il sacrificio del cibo, sia l’uomo a offrirlo a Dio o Dio all’uomo: che la natura sia il corpo di Dio nel mondo è altra metafora accreditata. E questo corpo ha anche una voce, udibile nel gorgoglio dell’acqua, nel fruscio del vento, nello stormire delle foglie, nel canto degli uccelli, nel ronzio degli insetti.
Ed è ascoltando, guardando, toccando, annusando e mangiando questo corpo del “Deus sive natura”, secondo la definizione del buon Spinoza, che possiamo scoprirci, con tutta la nostra umanità, in presenza del divino. E più che altrove nei parchi e nei giardini, che della natura sono templi. 


 

Eventi passati:

2017

Share on:

S.S. 270 Citara - 80075 Forio d'Ischia (NA) I ITALY - Tel./Fax +39 081 997783 - Email : info@ravino.it